Menu
Carta della Campania di Breislak

cipione Breislak, di padre svedese, nacque a Roma nel 1750 fu un geologo e naturalista italiano e prima ancora docente di filosofia e di fisica, in seguito si dedicò alla mineralogia. Partecipò alla Repubblica Napoletana, instaurata appena un anno dopo la pubblicazione del suo libro, e alla sua caduta fuggì in Francia e vi ritornò […]

Leggi oltre
Questo cippo di ripa Malaportelle è una grande pietra di calcare disposta trasversalmente e riportante la scritta del confine P C

Sul confine tra Cerreto e Morcone, in località “Ripa Malaportelle” presso i Tre Cantoni si trovano I Cippi di Confine , si tratta di enormi massi (pietre native) che segnavano i confini tra Terra di Lavoro, Contado del Molise e Principato Ultra di Benevento. l  nome della località deriverebbe appunto dall’incrocio delle tre Province Contado […]

Leggi oltre

Convegno per il Bicentenario della nascita di Theodor Mommsen 2 dicembre 2017  San Salvatore Telesino – Abbazia Benedettina del Santo Salvatore ore 9:00-19:00 heodor Mommsen, giurista, filologo, storico ed epigrafista nacque a Garding (Holstein) nel 1817 e morì a  Charlottenburg nel 1903. Dedicatosi allo studio dell’antichità italica e romana, venne nel 1844 in Italia a ricercare […]

Leggi oltre
Appare come una connola rovesciata, in calcestruzzo

gli inizi del secolo scorso, Gilda Mignonette,  cantante e sciantosa nel teatro di varietà napoletano, durante un celebre concerto al Salone Margherita si esibì in una struggente interpretazione della canzone “Connola senza mamma”, di Esposito e Ciaravolo. In essa si narrano le tristi vicende degli emigranti del primo Novecento stipati sui bastimenti alla volta delle […]

Leggi oltre

Telesia è una città dotata di una invidiabile cinta muraria che, assieme a due fossati naturali, la delimita per quasi tre chilometri. I fossi corrispondono a due torrenti denominati rispettivamente Truono e Portelle: vengono utilizzati strategicamente come demarcazione tra le città e l’esterno. Le mura sono ad “opera incerta” o “quasi reticolata”, sono quindi costruite […]

Leggi oltre

orenzo Quilici, ordinario di Topografia dell’Italia Antica presso l’Università di Bologna, nel 1966 pubblicò sui “Quaderni dell’Istituto di Topografia Antica” dell’Università di Roma, uno studio dal nome  Telesia: Studi di Urbanistica Antica, che gli valse il nome di archeologo di Telesia e che divenne in breve una pietra miliare. Allo studio allegò una piantina della […]

Leggi oltre

Caselle e Pannizze  i reperti della “transumanza” sul Matese Sud-Orientale ra le molte testimonianze, ancora visibili, che l’uomo antico ci ha tramandato ci sono le piccole costruzioni in pietra a secco, dette “caselle” e “pannizze”, che disseminano, ancora oggi, gli antichi e rigogliosi pascoli che abbondano su tutto il territorio del Matese Sud-Orientale. Considerando che, fino al 1700 […]

Leggi oltre

Il monte Acero si eleva isolato fino alla quota di 736 m sul livello del mare. La sua caratteristica forma conica non è, contrariamente a quanto ritenuto in passato, il frutto di un’intensa attività vulcanica bensì la conseguenza dell’erosione, profonda e marcata, del vicino fiume Titerno sui materiali calcarei. a montagna si presenta calma e […]

Leggi oltre

Il Monte Acero, tra Faicchio e San Salvatore Telesino, ospita la cosiddetta Grotta delle Fate le cui pietre emanano un riflesso azzurrino. i tratta di una cavità naturale che penetra la montagna per una profondità di oltre 20 metri, con una altezza che, all’ingresso è di 2 m circa, ma all’interno, in alcuni punti raggiunge sei sette […]

Leggi oltre

l Tempio di “Madonna della Libera” si trova in un paese dal nome Cerreto, che nell’etimologia del proprio nome Cerr-eto contiene la stessa radice della divinità agreste Cer-ere latina (da cui il nome cereali) o Kerr-es italica. Nel 496 a.C per ordine dei Libri sibillini, che i romani avrebbero  acquistato dalla famosa Sibilla Cumana, la triade […]

Leggi oltre
Translate »