Appare come una connola rovesciata, in calcestruzzo

gli inizi del secolo scorso, Gilda Mignonette,  cantante e sciantosa nel teatro di varietà napoletano, durante un celebre concerto al Salone Margherita si esibì in una struggente interpretazione della canzone “Connola senza mamma”, di Esposito e Ciaravolo. In essa si narrano le tristi vicende degli emigranti del primo Novecento stipati sui bastimenti alla volta delle […]

Leggi oltre

Telesia è una città dotata di una invidiabile cinta muraria che, assieme a due fossati naturali, la delimita per quasi tre chilometri. I fossi corrispondono a due torrenti denominati rispettivamente Truono e Portelle: vengono utilizzati strategicamente come demarcazione tra le città e l’esterno. Le mura sono ad “opera incerta” o “quasi reticolata”, sono quindi costruite […]

Leggi oltre

orenzo Quilici, ordinario di Topografia dell’Italia Antica presso l’Università di Bologna, nel 1966 pubblicò sui “Quaderni dell’Istituto di Topografia Antica” dell’Università di Roma, uno studio dal nome  Telesia: Studi di Urbanistica Antica, che gli valse il nome di archeologo di Telesia e che divenne in breve una pietra miliare. Allo studio allegò una piantina della […]

Leggi oltre

Caselle e Pannizze  i reperti della “transumanza” sul Matese Sud-Orientale ra le molte testimonianze, ancora visibili, che l’uomo antico ci ha tramandato ci sono le piccole costruzioni in pietra a secco, dette “caselle” e “pannizze”, che disseminano, ancora oggi, gli antichi e rigogliosi pascoli che abbondano su tutto il territorio del Matese Sud-Orientale. Considerando che, fino al 1700 […]

Leggi oltre

Il monte Acero si eleva isolato fino alla quota di 736 m sul livello del mare. La sua caratteristica forma conica non è, contrariamente a quanto ritenuto in passato, il frutto di un’intensa attività vulcanica bensì la conseguenza dell’erosione, profonda e marcata, del vicino fiume Titerno sui materiali calcarei. a montagna si presenta calma e […]

Leggi oltre

Il Monte Acero, tra Faicchio e San Salvatore Telesino, ospita la cosiddetta Grotta delle Fate le cui pietre emanano un riflesso azzurrino. i tratta di una cavità naturale che penetra la montagna per una profondità di oltre 20 metri, con una altezza che, all’ingresso è di 2 m circa, ma all’interno, in alcuni punti raggiunge sei sette […]

Leggi oltre

l Tempio di “Madonna della Libera” si trova in un paese dal nome Cerreto, che nell’etimologia del proprio nome Cerr-eto contiene la stessa radice della divinità agreste Cer-ere latina (da cui il nome cereali) o Kerr-es italica. Nel 496 a.C per ordine dei Libri sibillini, che i romani avrebbero  acquistato dalla famosa Sibilla Cumana, la triade […]

Leggi oltre

l Tempio di Cerreto Sannita “Madonna della Libera” e il mistero del suo culto: la soluzione del potrebbe essere scritta tra le stelle Il Tempio italico di Cerreto Sannita (BN) è un tempio molto particolare, situato a circa 560 metri di quota, è incastonato alle pendici del Matese Sud Orientale. Ponendosi all’ingresso del tempio, con le […]

Leggi oltre

acobelli Achille, da tutti conosciuto più semplicemente come il Cavaliere, nacque a San Lupo il 22 Ottobre 1812, nel 1848 divenne membro della Guardia Borbonica instaurando rapporti particolarmente cordiali con Ferdinando II di Borbone. Nel 1861, mostrando di adeguarsi al nuovo corso politico divenne membro del primo consiglio Provinciale di Benevento. Morì il 14 Luglio […]

Leggi oltre

Secondo un’antica pianta del 1854 dove si riconosce il circuito murario della città di Telesia sviluppatasi in età imperiale, il centro dell’antica città sarebbe ubicato a San Salvatore Telesino, in contrada Telese Vetere, la campagna di scavi denominata Telesia Archaeological Project guidata dall’archeologo Luigi Pedroni cominciata nel 2014 e terminata nell’estate 2016, conferma la presenza […]

Leggi oltre
Translate »
Facebook