La Sirena - Telesianarrando

La Sirena

Carolina Di Paola

Carolina Di Paola è nata a Cerreto Sannita il nel 1965 . Vive a Rimini dove lavora a come insegnante nella scuola dell’Infanzia, appassionata delle tradizioni , della storia e del dialetto cerretese, ha scritto numerose poesie in dialetto pubblicate dall’ Associazione Socio Culturale di Cerreto Sannita

Share

A S’rena

La Sirena 

A vita di contadin gira com gir’n l’ sc’taggiun!

Durant a m’r’nèta a natura s’hà r’pusèta e pur i contadin ann rall’n’tèt l’ fatic ma a primavèra quand a natura s’ r’veglia pur lor s’ r’mitt’n all’op’ra!

Avoglia a fatic che c’ sc’tann da fa, zappà, s’mm’nà, putà, abbi’j’n dentra a i mes d’Abbril p’ f’nì a Nuembr cu a raccota d’ l’avriu!

Ai contadin n’ ni ser’u gliorologg p s’ regolà….gliabbasc’ta uardà i sol addò s’ trou e t’ sèp addic che ora è !

Na vota però i cafun d’ C’rrit t’nev’n nu gross aiut p’ sapè quand era ora d’abbià , d’ magnà e d’ sc’cap’là.

..era a s’rena da fabbr’ca di Cont!

Sunèva tre vot a i jorn…a matina a l’ sett e mezza, quand glioperaj abbiav’n a iurnèta ma i contadin già sc’teva dentra a terra da doj ora, a mezz’iorn.

Quand glioperai magnav’n, pur l’ femm’n d’ campagna s’ m’ttev’n i cuanisc’tr ghèp e iv’n a purtà i pranza chigl fat’catur!

Quanta cos bbon c’ sc’tèv’n dentra a chigl cuanisc’tr, i m’arr’cord i c’rusc’t d’ pèn addò s’ faceva nu buc l’venn a m’glica e s’ c’ m’tteva dentra chèl che l’ femm’n ev’n cuc’nèt

…p’parul, mul’gniem, pulpett, sug…dop s’ chiudeva n’ata vota cu a m’glica che s’ n’zuppeva d’ogl e suc e s magneva…e ccom era saprit!!

D chisc’t temp s’ magnav’n a v’ntresc’ca appena abbiata cu l’ fèu fresc’c…i suc pi maccarun s’ faceva cu a sausicchia d’ poc e cot’n sotta a n’zogna

…era na bomba d’ calori’j ma i cafon era siccu com a na lena p’cchè iausà chèlla zappa da matina a sera era megl d’ na palesc’tra!!!

Dop na jurnèta sott a i sol a sc’tanchezza s’ faceva s’nt’ e quand s’ntiv’n a s’rena di Cont sunà pa terza vota i cuntadin s’ m’ttev’n a zappa n’goppa a sc’palla e s’arr’t’rav’n !

La vita dei contadini gira come girano le stagioni!

Durante l’inverno la natura si è riposata e pure i contadini hanno rallentato il lavoro ma a primavera, quando la natura si risveglia , pure loro si rimettono all’opera!

C’è tanto lavoro da fare: zappare, seminare, potare…iniziano nel mese di Aprile per finire a Novembre con la raccolta delle olive.

Al contadino non serve l’orologio per regolarsi, gli basta guardare dove si trova il sole e ti sa dire che ora è !

Una volta però i contadini di Cerreto avevano un grande aiuto per sapere quando era l’ora di cominciare, di mangiare e di smettere di lavorare

…era la sirena della fabbrica dei Conti!

Suonava tre volte al giorno : la mattina alle sette e trenta , quando gli operai iniziavano la giornata il contadino già stava nei campi da due ore.

A mezzogiorno, quando gli operai mangiavano pure le donne di campagna si mettevano il cesto sulla testa e andavano a portare il pranzo a quei lavoratori!

Quante cose buone ci stavano in quel cesto, io mi ricordo il pezzo di pane che si incavava togliendo la mollica e si imbottiva con quello che le massaie cucinavano:

peperoni, melenzane, polpette al sugo, dopo si richiudeva con la mollica che si inzuppava d’olio e sugo e si mangiava…e come era saporito!!!

Di questi tempi si mangiava la pancetta appena iniziata con le fave fresche, il sugo per i maccheroni si faceva con la salsiccia di fegato di maiale e cotiche sotto la sugna ;

era una bomba di calorie ma il contadino era magro come un pezzo di legna perché alzare la zappa da mane a sera era meglio di una palestra!

Dopo una giornata sotto il sole la stanchezza si faceva sentire e quando la sirena della fabbrica dei Conti suonava per la terza volta il contadino si metteva la zappa sulle spalle e si ritirava!

 

〈A S’rena〉

Poesia in dialetto cerretese: A vita di contadin gira com gir’n l’ sc’taggiun!
Durant a m’r’nèta a natura s’hà r’pusèta e pur i contadin ann rall’n’tèt l fatic ma a primavèra quand a natura s’ r’veglia pur lor s’ r’mitt’n all’op’ra!

Scritta nell’Aprile 2014  Associazione socio culturale Cerretese  LA PARLATA CERRETESE : ” l’ C’rratèn”

Immagine principale: dipinto di Bruegel Pieter Mietitura 1565

Share

Comments are closed.

Translate »
Facebook