La Sirena - Telesianarrando
Monte Cigno e il Titerno nella storiografia greco-romana Monte Cigno Proverbi della nostra Valle Sulle ali delle farfalle a Guardia Sanframondi Dalla tradizione celtica l’idromele diventa sannita Con Federica ed Elettra Titanica Ma dove sono veramente le Forche Caudine? Con Maria Pia Selvaggio e “Le Padrone di Casa” Il Lago di Telese Lo Struppolo a Telesia Il culto di San Leucio a San Salvatore l’Eccidio di Caiazzo Dieci Medici Raccontano Tempio Sannitico Cerretese San Rocco e la peste: il suo culto nel Sannio Telesia e la Romanizzazione La Civita di Pietraroja Telese Città Italica: una storia diversa Commedie della Cerreto Antica Amore Brigante Quando a promuovere il Matese ci pensava Scipione Breislak I Cippi di Confine dei Tre Cantoni Theodor Mommsen e le Iscrizioni di Telesia La Connola di Sansone Le Mura dell’Antica Telesia La Telesia del Quilici Caselle e Pannizze Monte Acero La Grotta delle Fate Dal Mistero del Tempio all’etimologia di Cerreto Il Mistero del Tempio di Cerreto Sannita Il Cavaliere Jacobelli La Basilica di Telesia: la campagna di scavi di Pedroni Questo Nostro Regio Tratturo (Le Origini) Se i Romani salivano al Colle i Sanniti si dileguavano a Valle Il Sistema Difensivo Sannita a Guardia della Valle Telesina La Grotta delle Fate Passeggiando nelle Terme di Teseo Discorso del Cav. Davide Lupo Telesia Romana negli scritti di Luigi Riccardi La Sirena La Grotta di Cosimo Giordano Il Casale di San Salvatore Telesino I Ribelli di Eric J. Hobsbawm

La Sirena

Share

A S’rena

La Sirena 

A vita di contadin gira com gir’n l’ sc’taggiun!

Durant a m’r’nèta a natura s’hà r’pusèta e pur i contadin ann rall’n’tèt l’ fatic ma a primavèra quand a natura s’ r’veglia pur lor s’ r’mitt’n all’op’ra!

Avoglia a fatic che c’ sc’tann da fa, zappà, s’mm’nà, putà, abbi’j’n dentra a i mes d’Abbril p’ f’nì a Nuembr cu a raccota d’ l’avriu!

Ai contadin n’ ni ser’u gliorologg p s’ regolà….gliabbasc’ta uardà i sol addò s’ trou e t’ sèp addic che ora è !

Na vota però i cafun d’ C’rrit t’nev’n nu gross aiut p’ sapè quand era ora d’abbià , d’ magnà e d’ sc’cap’là.

..era a s’rena da fabbr’ca di Cont!

Sunèva tre vot a i jorn…a matina a l’ sett e mezza, quand glioperaj abbiav’n a iurnèta ma i contadin già sc’teva dentra a terra da doj ora, a mezz’iorn.

Quand glioperai magnav’n, pur l’ femm’n d’ campagna s’ m’ttev’n i cuanisc’tr ghèp e iv’n a purtà i pranza chigl fat’catur!

Quanta cos bbon c’ sc’tèv’n dentra a chigl cuanisc’tr, i m’arr’cord i c’rusc’t d’ pèn addò s’ faceva nu buc l’venn a m’glica e s’ c’ m’tteva dentra chèl che l’ femm’n ev’n cuc’nèt

…p’parul, mul’gniem, pulpett, sug…dop s’ chiudeva n’ata vota cu a m’glica che s’ n’zuppeva d’ogl e suc e s magneva…e ccom era saprit!!

D chisc’t temp s’ magnav’n a v’ntresc’ca appena abbiata cu l’ fèu fresc’c…i suc pi maccarun s’ faceva cu a sausicchia d’ poc e cot’n sotta a n’zogna

…era na bomba d’ calori’j ma i cafon era siccu com a na lena p’cchè iausà chèlla zappa da matina a sera era megl d’ na palesc’tra!!!

Dop na jurnèta sott a i sol a sc’tanchezza s’ faceva s’nt’ e quand s’ntiv’n a s’rena di Cont sunà pa terza vota i cuntadin s’ m’ttev’n a zappa n’goppa a sc’palla e s’arr’t’rav’n !

La vita dei contadini gira come girano le stagioni!

Durante l’inverno la natura si è riposata e pure i contadini hanno rallentato il lavoro ma a primavera, quando la natura si risveglia , pure loro si rimettono all’opera!

C’è tanto lavoro da fare: zappare, seminare, potare…iniziano nel mese di Aprile per finire a Novembre con la raccolta delle olive.

Al contadino non serve l’orologio per regolarsi, gli basta guardare dove si trova il sole e ti sa dire che ora è !

Una volta però i contadini di Cerreto avevano un grande aiuto per sapere quando era l’ora di cominciare, di mangiare e di smettere di lavorare

…era la sirena della fabbrica dei Conti!

Suonava tre volte al giorno : la mattina alle sette e trenta , quando gli operai iniziavano la giornata il contadino già stava nei campi da due ore.

A mezzogiorno, quando gli operai mangiavano pure le donne di campagna si mettevano il cesto sulla testa e andavano a portare il pranzo a quei lavoratori!

Quante cose buone ci stavano in quel cesto, io mi ricordo il pezzo di pane che si incavava togliendo la mollica e si imbottiva con quello che le massaie cucinavano:

peperoni, melenzane, polpette al sugo, dopo si richiudeva con la mollica che si inzuppava d’olio e sugo e si mangiava…e come era saporito!!!

Di questi tempi si mangiava la pancetta appena iniziata con le fave fresche, il sugo per i maccheroni si faceva con la salsiccia di fegato di maiale e cotiche sotto la sugna ;

era una bomba di calorie ma il contadino era magro come un pezzo di legna perché alzare la zappa da mane a sera era meglio di una palestra!

Dopo una giornata sotto il sole la stanchezza si faceva sentire e quando la sirena della fabbrica dei Conti suonava per la terza volta il contadino si metteva la zappa sulle spalle e si ritirava!

 

〈A S’rena〉

Poesia in dialetto cerretese: A vita di contadin gira com gir’n l’ sc’taggiun!
Durant a m’r’nèta a natura s’hà r’pusèta e pur i contadin ann rall’n’tèt l fatic ma a primavèra quand a natura s’ r’veglia pur lor s’ r’mitt’n all’op’ra!

Scritta nell’Aprile 2014  Associazione socio culturale Cerretese  LA PARLATA CERRETESE : ” l’ C’rratèn”

Immagine principale: dipinto di Bruegel Pieter Mietitura 1565

Share

Comments are closed.

Translate »
Facebook