Sulla corruzione e la disonestà dalla tradizione popolare della Valle Telesina A ròte se nen sé vogne, nu’ cammìne. A furtùne du l’umbrellàre è cuanne chiòve fine fine. A rrobba è di chi sa gode, e nun ‘e di chi sa stènte. Addò tène l’uocchie tène ‘e mmane. Chi fatiche màgne, chi nùn fatiche màgne […]

Leggi oltre
Translate »
Facebook